Account hackerati: attenti a Telegram

0
Acuvue

Gli hacker stanno sfruttando sempre di più Telegram, per inviare agli utenti virus e software che rubano dati e informazioni sensibili.

Una serie di attacchi ben congeniati, segnalata da Check Point Software Technologies.

Lo strumento, utilizzato anche attraverso la mail, è un trojan ad accesso remoto (rat) che prende il nome di ToxicEye.

Una volta installato questo strumento dà totale accesso al dispositivo, fornendo tutte le informazioni all’interno agli hacker e mettendo a rischio anche i sistemi di pagamento.

ToxicEye si installa aprendo un allegato, spesso nascosto all’interno di una mail credibile che ci spinge ad aprire il file con trappole psicologiche.

anche Telegram sta diventando un mezzo di diffusione. La piattaforma infatti non ha antivirus e permette una facile registrazione anonima.

Phishing e virus diventano quindi uno strumento molto diffuso, soprattutto attraverso messaggi privati che arrivano magari da gruppi con migliaia di persone.

Attenzione quindi a Telegram, oltre che alle mail che ricevete.

Un primo sentore di virus sono mail sgrammaticate, nonostante gli strumenti di oggi siano molto avanzati, specialmente se siete bersaglio specifico di un tentativo di hacking.

Fondamentale, come spesso avviene in rete, è non fidarsi di niente e di nessuno, evitando qualsiasi allegato che non abbia fonte assolutamente certa e passandolo comunque sotto l’antivirus.

Altra buona pratica è evitare di utilizzare lo stesso sistema per gestire account importanti. Dedicare un device alle sole operazioni più delicate, potrebbe proteggervi anche da eventuali malware.

Da non trascurare gli attacchi via app ai sistemi mobile, sempre più presi di mira dal cybercrimine.

Purtroppo la situazione potrà andare solo peggio sotto questo punto di vista e, la difesa migliore, sarà la consapevolezza dell’utente più che la resistenza all’attacco dei sistemi.

In un mondo sempre più smart, truffe e virus sono ormai un elemento quotidiano per chiunque utilizzi internet e i suoi strumenti.

Share.

About Author

Segugio Logo
Iscriviti alla newsletter!