Google sta lavorando a un particolare FaceID

0

Secondo diverse segnalazioni internazionali, nelle ultime ore Google starebbe cercando di convincere numerose persone a cedere dati del volto, ripagandole con buoni sconto validi per Amazon e Starbucks.

In molti si sono chiesti quali siano gli scopi di questa dinamica distopica.

A quanto pare infatti, dopo la firma di una liberatoria, Google ha intenzione di sfruttare i volti raccolti per uno scopo preciso.

Questi dati, potrebbero infatti servire a costruire l’anti FaceID di Google.

Un sistema di riconoscimento facciale avanzato che probabilmente caratterizzerà il Google Pixel 4.

I passanti che hanno accettato l’offerta sono stati fotografati da varie angolazioni con uno smartphone senza marchio, probabilmente un prototipo che contiene la nuova tecnologia di Google.
Google non ha rilasciato dichiarazioni sulla questione, resta da capire però che tipo di tecnologia la compagnia stia progettando.

Viste le numerose falle di FaceID, è possibile che Google stia lavorando a qualcosa di nuovo e più complesso, che utilizzi le IA per comprendere a pieno il volto umano.

Una notizia interessante che vede Google impegnata in una pratica mai vista prima.

Qualcuno ha addirittura ipotizzato che si tratti di una truffa e che non ci sia veramente Google dietro all’operazione.

In ogni caso staremo a vedere, è molto probabile che nei prossimi giorni Mountain View spieghi la sua iniziativa e in che modo i dati raccolti saranno utilizzati.

Google ha già numerosi dati facciali delle persone che utilizzano i suoi device, oltre ad ulteriori dati raccolti dagli smartphone Android.

Inoltre, i volti delle persone sono reperibili anche in azienda.

Rimane poco chiaro quindi, che tipo di test sia in atto per Google.

La necessità di scegliere persone all’esterno risulta davvero particolare e siamo sicuri che, molto presto qualche informazione sarà rilasciata.

Almeno che non si tratti di un’operazione promozionale di qualche genere, dal momento che la cosa sta facendo molto parlare.

Loading...
Share.

About Author