Iliad, in Italia è guerra aperta

0

L’arrivo di Iliad ha scatenato un vero e proprio putiferio nel nostro paese dove, dopo un assalto da parte degli utenti alla ricerca di una delle migliori offerte che si trovano sul mercato (almeno a parole dato che ancora non ci sono dati precisi sulla copertura di rete e l’effettiva velocità della connessione), ecco che in pochi giorni sono arrivate le prime lamentele legate sia all’associazione consumatori, che a esposti fatti direttamente dalle case avversarie come ad esempio Tim.

L’azienda infatti accusa Iliad di violare le normative anti-terrorismo italiane, in particolare Tim ha accusato la metodologia di attivazione della sim, alla quale mancherebbe del tutto la verifica dell’identità dell’effettivo intestatario. Questo aprirebbe la strada al terrorismo oltre che al furto di identità. Iliad permette infatti diintestare una Sim a una persna differente dall’effettivo cliente finale, pagando inoltre con carte di credito che non rispondono necessariamente all’utente.

Tra quelle segnalate, questa potrebbe essere la più grave delle accuse dato che violerebbe dei principi di sicurezza nazionale non trascurabili, portando anche a una eventuale sospensione o chiusura del servizio.

La risposta di Vodafone è invece arrivata sotto forma di risposta in abbonamento. La rivale numero 1 di Tim ha così lanciato il suo servizio Ho, alternativa low-cost vodafone che prevede 30 GB di traffico a 7 euro al mese oltre che sms e minuti illimitati, il tutto con la sicurezza dell’infrastruttura Vodafone nazionale.

Sicuramente però Iliad ha il merito di aver dato uno scossone al mercato, forzando le compagnia a ridurre i loro prezzi e a offrire politiche più trasparenti e oneste, il tutto a favore del consumatore. In poche parole, lasciamo che si sfidino a colpi di offerta e di sedute legali, ciò che conta è che noi consumatori possiamo usufruire delle migliori tariffe possibili e ricevere un trattamento migliore rispetto a quello che è spesso riservato a chi sottoscrive questo tipo di abbonamento.


Loading...
Share.

About Author