Instagram limita le immagini di autolesionismo

0

Instagram punta alla rimozione delle immagini legate all’autolesionismo.

“Rimuoveremo anche altre immagini che potrebbero non mostrare autolesionismo o suicidio, ma che includono materiali o metodi associati”.

A quanto pare Instagram punta a creare un universo protetto fatto di messaggi positivi e dove non c’è spazio per autolesionismo e elementi simili.

L’idea nasce dalla preoccupazione che, determinati contenuti, possano influenza negativamente gli utenti, soprattutto i più giovani.

Come al solito, a pagarne il prezzo saranno opere artistiche e altre realtà che, d’altro canto possono tranquillamente fare a meno di stare su Instagram, dal momento che social e arte sono due antitesi.

In ogni caso le polemiche non mancheranno.

La scelta di Instagram arriva dopo la morte di Molly Russel, una studentessa di 14 anni che si è suicidata dopo aver visto una serie di contenuti legati al suicidio sulla piattaforma.

La famiglia della ragazza ha protestato con Instagram, accusando il social di avere influenzato la figlia.

“Abbiamo ulteriormente ampliato le nostre politiche per vietare più tipi di autolesionismo e contenuti suicidi. Ci vorrà del tempo per implementare tutto questo, ma non sarà l’ultimo passo che facciamo”.

La nuova politica del social si basa “sulla consulenza di esperti, accademici e organizzazioni per la salute mentale”.

Un caso delicato quello che sta vivendo Instagram dove a subirne di più sarà la libertà di espressione e, in particolare i contenuti artistici che mostrano spesso immagini forti e controverse.

Come già detto però, il consiglio, per chi vuole esprimersi e creare contenuti artistici di qualsiasi genere, è quello di abbandonare la piattaforma e, in generale, i social.

Siti web e blog non passeranno mai di moda, spendere meno tempo sui social potrebbe essere una soluzione ai veri problemi evidenziati.

La controversia infatti nasce proprio nel cuore dei social network, divenuti ormai una rete parallela ma amministrati dalle aziende proprietarie.

Loading...
Share.

About Author