L’importanza di tutti gli strumenti per fare Seo

0

La Seo (Search Engine Optimization) è un’attività molto strutturata e complessa, che racchiude in sé molti passaggi con l’obiettivo finale di scalare la famigerata Serp e farsi trovare più facilmente dagli utenti garantendo quindi maggiore visibilità (e quindi più traffico) al proprio sito. Le tecniche per fare Seo sono tantissime: si va dalla Seo on-page a quella off-page, passando per la Seo mobile e per tutti quegli strumenti (tools) utili per fare un buon lavoro di strategia, studio dei competitor, pianificazione degli obiettivi e analisi dei risultati.

Finire in prima pagina con la keyword Seo ad esempio risulterà molto complesso, poiché i risultati saranno tantissimi. Ma se si studiano bene le tecniche e ci si aggiorna costantemente, si può giungere senz’altro ad un buon risultato. In questo articolo vogliamo concentrarci sull’attività di Seo che si può fare attraverso i CMS e nello specifico con WordPress, che è il più utilizzato.

Fare Seo con WordPress: tutto ciò che c’è da sapere

Dicevamo che WordPress è il CMS (content management system) più utilizzato, ed è anche quello che ha una maggiore predisposizione ad essere utilizzato in chiave Seo. Questo perché racchiude in sé parecchi plugin piuttosto facili da utilizzare, in grado di far avvicinare anche i neofiti alla materia. Tra questi spiccano Yoast Seo, SeoPressor, Seo Ultimate e Premium Seo Pack. Il più utilizzato in assoluto resta Yoast Seo, che anche nella versione gratuita offre un servizio abbastanza completo, integrabile peraltro con quello Premium (che però è a pagamento). Per cominciare a fare Seo con Yoast è necessario documentarsi bene sul suo funzionamento: come detto si tratta si un plugin non difficile da utilizzare, ma in ogni caso la rete è piena di guide e strumenti che possono aiutare a migliorarne le prestazioni.

Il consiglio è quello di sperimentare e fare continue prove per cercare di capire meglio le dinamiche di questo plugin. Se poi si ha più tempo a disposizione per misurarsi con Yoast, ma magari si parte da zero, consultare i tanti tools e i manuali disponibili online diventa la migliore strada da seguire. In breve tempo si potranno raggiungere i primi risultati tangibili. Certo, si tratta solo di una minima parte all’interno dell’immenso mondo Seo, ma si tratta comunque di un buon punto di partenza dal quale iniziare e trarre spunti per approfondire ulteriormente la materia.

Altri consigli utili per fare una buona attività Seo

La Seo è un’attività che ha bisogno di costante aggiornamento, e per essere svolta al meglio essa deve andare di pari passo con i trend del momento. Negli ultimi tempi ad esempio Google sta premiando i contenuti originali e di qualità, oltre ad un buon servizio in termini di user experience. Conoscere bene le esigenze dei motori di ricerca, ma anche e soprattutto quelle degli utenti, è diventato ormai cruciale per svolgere una buona attività in ambito Seo. E’ stato proprio l’algoritmo di Google, chiamato Panda, a suggerire di dare spazio ad una maggiore qualità dei contenuti (sia testi che immagini, ma anche video) che devono essere chiari, fluidi e pertinenti. In più l’utilizzo a livelli vertiginosi di smartphone e tablet ha suggerito che i siti debbano essere ottimizzati anche per questi device (più fluidità nella navigazione). Molta importanza quindi la custodiscono le sitemap (fondamentali per permettere a Google di rintracciare il sito web), ma anche i feed rss e i markup di Schem.org.

Anche l’utilizzo del social media marketing, fondamentale in una strategia integrata di web marketing, rappresenta un trend da non sottovalutare in futuro in ottica Seo.


Loading...
Share.

About Author