Il presente e futuro degli eSports

0

Gli e-sports sta per giocare a livello organizzativo e professionistico dei videogiochi.

Coloro che giocano prendono parte a videogiochi multigiocatore, quindi coinvolgendo anche altri compagni. Ma si può anche giocare in giocatore singolo, cercando di fare il miglior punteggio. Sono tantissimi i giochi che vengono giocati e di tantissimi generi.

Di questi fanno parte gli sparatutto, i Moba (Dota 2), e i giochi di strategia in tempo reale. Oggigiorno gli E-sports organizzano tornei e campionati di ogni genere, e vengono organizzati come qualsiasi evento sportivo. Sono anche presenti arbitri che regolano il gioco seguendo le regole e commentatori che coinvolgono le persone che stanno guardando i tornei.

Le origini

Nella storia, il primo ad organizzare un evento di questo genere fu l’Atari. Organizzò un torneo di Space Invaders che attirò tantissime persone che presero parte al torneo, ottenendo un gran successo.

Rispetto al tradizionale ESL (Electronic Sports League) gli E-sports hanno tra le competizioni più famose come il Dreamhack, oppure il World Cyber Games.

Dalla sezione esports di thelastloop.com sono tantissimi i giochi che adesso vengono giocati: FIFA, il famosissimo gioco di calcio, assieme a League of Legends(LOL), il Moba più conosciuto tra i giovani. Non possono mancare giochi come Clash Royale, oppure, Minecraft e PUBG.

Sicuramente col passare del tempo, questi tornei professionali vengono presi in considerazione in maniera più seria. Mettendo adesso a disposizione tutto ciò di cui c’è bisogno per far si che questi eventi sportivi possano continuare ad essere organizzati e permettere che non sia solamente una moda passeggiera.

Bensì che possa diventare un vero e proprio sport nazionale. Preso in maniera seria da tutti e che possa essere giocato sempre all’insegna della correttezza.

Un’industria multimiliardaria

E-Sports è una vera e propria industria miliardaria. Muove un sacco di soldi: attraverso squadre, superstars, leghe e premi. Secondo un rapporto, il fatturato di E-sports ammonta a circa 696 milioni di dollari nel mondo nell’anno del 2017.

Le statistiche prevedono che ci sarà un fino a 1.5Bn$ nel 2020 con spettatori da tutto il mondo che ammontano a circa 200 milioni. Questo nuovo sport promuove oltre ad un altissimo fatturato, un genere del tutto nuovo che si abbiano perfettamente alla nostra era.

Non poteva mancare questo sport per i videogiochi, dove la gente si diverte e la possibilità è data a tutti coloro che hanno il coraggio a prendere parte.

Il sito ufficiale di League of Legends scrive sempre delle news riguardo L’e-sport dato che questo MOBA è il più giocato nel torneo e promuove tanti nuovi talenti che si affascinano a questo mondo. Moltissimi appassionati infatti seguono le dirette streaming, dal famoso sito di Twitch, dove vengono commentante le partite e si offre la visione di tutti i match del torneo, fino alla finalissima tanto attesa.

Avrà un futuro o è solamente una moda del momento?

Sì, questo è il futuro dell’e-sports. Continueranno a crescere data la popolarità che acquisiscono col passare degli anni. Le compagnie investono sempre più soldi negli eSports garantendo così che questi tornei possano essere sempre finanziati.

Si avrà anche la possibilità di includere questi sports all’interno delle Olimpiadi. Oggi giorno sono moltissimi i giovani che usano il pc o le consolle come la Playstation per giocare e divertirsi.

Molti di questi addirittura provano a dare il meglio di loro mentre giocano proprio per arrivare a competere in modo professionistico nelle gare. Ovviamente questa cultura è emergente, e non sempre è vista di buon occhio dai genitori che vedono spendere troppo tempo davanti ai videogiochi i propri figli.

In Italia è già stato approvato dal CONI il GEC (Giochi elettronici sportivi), il primo torneo nazionale che vedeva i partecipanti giocare a League of Legends. Fu scelto come primo titolo da giocare nel torneo italiano, diviso in diverse giornate.

Tutto ovviamente è stato possibile guardarlo dal sito Twitch o dal canale principale del GEC. Solamente a dicembre del 2017, conta 50.000 atleti tesserati, 75 compagnie affiliate e più di 700 tornei in Italia.

Questo futuro è entrato già a far parte ufficialmente delle gare sportive professionali, e sembra assurdo, ma vostro figlio potrebbe diventare un campione in questi tornei. Vincendo i premi messi a disposizione, che ammontano a grandi quantità di denaro.


Loading...
Share.

About Author