Super Mario non è più italiano? Ne parla Nintendo

0

Per anni, abbiamo considerato Super Mario, sia per il nome, che per l’aspetto, un idraulico italiano finito, non si sa come, nel colorato mondo dei funghi.

Ecco che Nintendo sembra smentire questa versione, dando una nuova origine, abbastanza insensata, visto anche l’accento di Mario nei giochi più recenti, al particolare eroe.

Secondo quanto riferito dall’ex-Nintendo Masayuki Uemura Super Mario non è italiano, ma giapponese.

La dichiarazione, che ha sconvolto i fan, è stata fatta alla rivista di settore Kotaku.

Ecco le parole di Uemura, designer di Famicom:

Super Mario Bros. non è ambientato in Giappone, ma il personaggio è giapponese. Il nome Mario sembra italiano, ma non è italiano. Sono stati davvero bravi a creare questa ambiguità.

Parole che lasciano perplessi, dal momento che Mario, viene sentito spesso e volentieri dire il suo classico “Mamma mia”.

Senza dimenticare il fratello, Luigi, e una serie di elementi basati su stereotipi italiani abbastanza evidenti.

Mario sembra mostrare sotto ogni punto di vista la sua natura italiana, e allora perché questa nuova origine?

Un vero e proprio mistero, al quale l’ex Nintendo non ha dato spiegazioni precise, limitandosi a lanciare questa teoria che cambia le carte in tavola.

A supportare la tesi delle origini italiane di Super Mario, ci sono anche le parole di Shigeru Miyamoto, il suo creatore:

“Da bambino amavo molto i fumetti, anche quelli stranieri. Così disegnavo dei personaggi che avevano delle caratteristiche più occidentali come dei nasi molto grossi. Decidemmo che Mario fosse un idraulico all’epoca di Mario Bros. per via dei livelli sotterranei. Mettiamo a New York e facciamo che sia italiano. Non c’è davvero nessun altro segreto sulla nascita del personaggio.”

Staremo a vedere se Nintendo chiarirà la situazione, spiegando magari le origini di questo eroe ormai decennale, la sua mascotte numero 1, e soprattutto come è finito nel folle mondo dei funghi.

Share.

About Author

Segugio Logo
Iscriviti alla newsletter!